Finalità del Comitato

Il Comitato Genitori è un organo che consente la partecipazione dei genitori nella scuola ed opera al fine di rafforzare la collaborazione fra le varie componenti scolastiche e contribuire a realizzarne la funzione di promozione civile, sociale e culturale. Il Comitato Genitori non è un organo collegiale, ma un'associazione di fatto ed è riconosciuta dalla normativa vigente - art. 15, comma 2 del DL 297/94 ed art. 3, comma 3 del DPR 275/99 - ed ha facoltà di presentare proposte e/o formulare pareri senza che questi costituiscano vincolo per il dirigente scolastico ed il Consiglio d'Istituto. Il Comitato Genitori non ha fini di lucro e le cariche si intendono prestate a titolo gratuito.

lunedì 23 dicembre 2013

UN'OPPORTUNITA' PER STUDENTI E FAMIGLIE

L´Inps Gestione Dipendenti Pubblici sostiene gli studenti nel percorso di istruzione, formazione ed educazione.
Ogni anno, infatti, mette a concorso borse di studio che i vincitori possono utilizzare come parziale rimborso delle spese sostenute nell´anno scolastico/accademico appena trascorso.

Quali studi finanzia
L'istituto assegna le borse di studio attraverso due concorsi, uno, denominato Super Media*, per il primo e secondo ciclo scolastico e più precisamente per la frequenza:
  • dell´ultimo anno di scuola secondaria di I grado
  • dei singoli anni di scuola secondaria di II grado
  • del conservatorio
  • dei corsi di formazione professionale

*Alla luce dell’analogia della prestazione erogata ai propri iscritti dal Fondo Gestione Dipendenti Pubblici e dal Fondo Enam, si è ravvisata l’opportunità di un’integrazione delle procedure amministrative per l’erogazione delle borse di studio con la pubblicazione di un unico bando di concorso rivolto agli utenti delle due gestioni, pur nella salvaguardia delle peculiarità afferenti ciascun Fondo ed i propri specifici utenti.
e l'altro, Homo Sapiens Sapiens, per:
  • corsi di laurea o di laurea specialistica
  • corsi per il conseguimento del diploma di conservatorio
  • corsi di specializzazione successivi alla laurea
  • master universitari e corsi universitari di perfezionamento
  • dottorati di ricerca
  • stage in azienda.
In quali scuole
I concorrenti possono aver studiato presso:
  • istituti scolastici e università, statali o legalmente riconosciuti
  • scuole italiane all´estero
  • scuole europee dell´Unione europea
  • istituti stranieri, i cui corsi siano legalmente riconosciuti equivalenti a quelli italiani.
Saranno gli interessati a segnalare le strutture frequentate e i corsi svolti.

A chi si rivolge
Possono partecipare i figli e gli orfani di iscritti e pensionati della Gestione Dipendenti Pubblici, anche per effetto del D.M.45/07.
Occorre soddisfare tutti i requisiti specificati sul bando, tra i quali quelli di merito.


Di seguito si riporta il collegamento per leggere il bando per la borsa di studio e controllare:
  • requisiti per l'eventuale richiesta
  • termini di presentazione della domanda